Comitato Centrale
22.04.2015

Numero speciale della Rivista 'Centenario Pro Ticino'

Neuchâtel 22 aprile 2015 - La Pro Ticino ha pubblicato in questi giorni un numero speciale della Rivista Ticino. Per il centenario dell’associazione, il comitato ha deciso di ripercorrere il Ticino lasciandosi cullare dai fiumi del Cantone e dando risalto a personaggi ticinesi nel mondo di oggi e di ieri. Il saluto del Consigliere di Stato Manuele Bertoli apre il documento che vuole essere un messaggio di fiducia per i ticinesi e per quanto fanno oggi in Ticino e fuori Cantone.

I primi quattro articoli si interrogano sul significato dell’emigrazione. Di quella di ieri grazie ad un contributo eccezionale dello storico Giorgio Cheda, e di quella di oggi, a volte poco nota, con un articolo di Mattia Bertoldi, curatore del sito www.ti.ch/oltreconfiniti. Al membro onorario Cornelio Sommaruga la Pro Ticino ha chiesto di spiegare perché è necessario che il ticinese lasci il cantone, mentre il giornalista Pier Baroni ci racconta l’emigrazione di uno statista ticinese.

Nella seconda parte della rivista noti giornalisti ticinesi presentano personalità di oggi e di ieri che si sono illustrati nei diversi settori: architettura, arte, economia, educazione, gastronomia, industria, medicina, militare, musica, poesia, politica religione e sport hanno tutti almeno una figura nota al di fuori delle frontiere cantonali.

Le Sezioni della Pro Ticino, che in fondo hanno fatto la storia della società a partire dal 1915, concludono il numero parlando del loro passato, e magari ricordando ai giovani di oggi come l’emigrazione di un tempo era particolarmente dura e, per molti ticinesi, obbligatoria. Ma su una cosa concordano tutte le sezioni, la solidarietà e l’amore per il Cantone di origine rimangono alla base della Pro Ticino.

Per ordinazioni visitate il nostro shop cliccando qui