UNA SVIZZERA SENZA ITALIANO?

Il Forum per l’Italiano in Svizzera ha recentemente lanciato, per giovani, un concorso

UNA SVIZZERA SENZA ITALIANO?

I giovanissimi allievi (dai 3 anni in poi) della „Scuola Pro ticino Basilea“ hanno fatto delle riflessioni in merito. I loro lavori, eseguiti con massima cura, sono stati esposti alla Festa del centenario della sezione Pro Ticino di Basilea. 

 

Eccovi le foto dello stand e dei loro lavori.

Cinzia, 8 anni
Lisa, 5 anni
Salome, 8 anni

"Una Svizzera senza italiano?“

Sarebbe „povera“ perché mancherebbe anche la „Cultura Italiana“. Senza italiano o italianismo, si dovrebbe cambiare tanto: per esempio pizza, pasta, espressioni di musica o arte, nomi ecc. quindi sarebbe un disordine totale. 

Mi farebbe anche molto paura perché ci sono diversi paesi (Turchia, Cina, Russia ecc.), dove le minorità non possono parlare le proprie lingue…. 

Si dovrebbe anche pensare che c’era Hitler che aveva la pazzia di tollerare solo „il tedesco vero“! Escludere und lingua di una minorità è sempre un’arroganza della maggiorità. 

Ma rimaniamo ai fatti: non penso che ci sarà una volta una Svizzera senza Italiano, però si parlerà sempre meno l’italiano o il francese, perché i giovani Svizzeri o abitanti nella Svizzera tra loro parlano di più  ’inglese se non sono insieme con persone della stessa „regione linguistica“. 

L. T. un allievo adulto.

Rahel, 10 anni
Silvana
Rahel, 10 anni